Cinema Illustrazione (Mar 1939)

Record Details:

Something wrong or inaccurate about this page? Let us Know!

Thanks for helping us continually improve the quality of the Lantern search engine for all of our users! We have millions of scanned pages, so user reports are incredibly helpful for us to identify places where we can improve and update the metadata.

Please describe the issue below, and click "Submit" to send your comments to our team! If you'd prefer, you can also send us an email to mhdl@commarts.wisc.edu with your comments.




We use Optical Character Recognition (OCR) during our scanning and processing workflow to make the content of each page searchable. You can view the automatically generated text below as well as copy and paste individual pieces of text to quote in your own work.

Text recognition is never 100% accurate. Many parts of the scanned page may not be reflected in the OCR text output, including: images, page layout, certain fonts or handwriting.

figlia: per: ia (quale è vissuto, tutti quegli anni, senza che leî:nc spes ‘se. nulla, Un'altra esistenza; un'altra casa, una creatura che per me: si e mesi le ha rubato qualche cosa del suo Mario, senza che Ici sapesse. Poi l'altra donna, da: mamma gelosa che non aveva: mai voluto ‘cedere: sua figlia, è morta. E allora Mario domandò « lei, semplicemente, in quella. sera tranquilla, vicino a un viso “prolumato di. giaggioli, cdi prendere ‘la -ragazzina in casa, di tenerla con loro per sempre.‘ — Noi: non. possiamo. avere bam: Dini, Laura, . ma | la | Provvidenza manda ugualmente una. creatura n rallegrare ‘la nostra casa. Seinplite, ragionevole. : come se non-vi fossero astacoli, come se non vi fosse un cuore martoriato, offeso, geloso, ‘davanti a quella’ porta, a impedire che l'estrànea, col volto di ui'altra donna, entrasse ‘in quella casa'e chiamasse ‘di* fronte. a lei, il suo Mario, col nome di papà. Come sono ingenui ‘ed anche stranamente . superficiali, . gli; ‘ uomini. Perché ‘uno donna. è sempre statà mite, arrendevole, innamorata, «essi . csi. raffigurano ‘che ‘sia un ‘angelo: Î pronta: ad-ogni sacrificio, ‘ad ogni umiliazione. Nori sanno dunque che solo l’amore e la felicità. rendono. buone. ledonne? Ma. in ‘ogni. cuore si ‘annida un serpe... Un serpe? No, Laura è così convinta di aver ivuto ragione: tutte Je buone ragioni 30. no ‘intorno ‘a .léi, per tentar di difonderla dall'inumano dolore ‘e di giustificarla i ‘ma tra ragione e ragione. ‘v'è. lo: spiraglio ‘ pet la' soffe-. “renza: per. il dubbio, ‘per il tormerito. ©. : > ‘Hanno lottato. per un. mese, ‘a patole. E-non erano sempre quelle che volevana dire: e. non ‘erano altro «che un arzigogolo continuo. è assur do ‘intorno-a. dueverità. «Se tu mi rami. devi ‘accogliere mia; figlia. ‘in questa casal ». cu Appunto «perché ti amo, odio ‘colei che'simbolizza. il tuo ingarino,. il. tuo tradimento verso di me 5. Ogmino: forse sicuro ‘che’ l'al|" ‘tro avrebbe ceduto:finché l'ingranaggio delle coso, più forte.della vo: lontà, e i parenti,.e gli amici aveva: no-reso logica; inevitabile la separazione, A i ila © Ognuno ‘col sup amore, con. la sua disperazione. ‘Matio.: con sua figlia. Laura sola.Sola col denaro: di Ma 1 con. tutto ‘ciù. che apparteneva ‘a Mario, 1 ia ti ‘on me ne importa; ion. me “ne importal — ripetà.a.se stessa, Si. alzò stancàmente .dalletto! guardò: la. tazza. di brodo, Forse era ‘meglio che. ‘andasse fuori, ‘apranzo, pet.’ distrarsi; --per non inorire-.in inolla casa:.deserta.<Non doveva preoccuparsi. dî spesa: poteva’ andare in. un bel ristorante illuminato; tepido, ‘tra. gente: elegante, ih un. IlioBa dove: Wi: fosse. un. po'di «musica | chela piaceva..No;. non ne aveva voglia. Forse domani, forse ‘dopo. domani. Oh, Mario; Marlo mia ‘da: ‘rei: tuitto il denard perché. tu entras: sì qui, e’ posassi le.tue labbra: sulle nie: e’ ‘mi chiedessi perdono! #.‘sPorse-era: meglio andarsene “dalla LIcittA sottrarsi. al. tòormentiso fasci: +;San Re‘bell'albergo, A nuovo; (chiaro le sa (Ma per; chi: farsi bella? Mig migliaia. di’ uomini che. respirano; camminano; sì vestono; pensano le ‘stesse cosa. compiono for-. se gli: stessi ‘gesti. Ma-uno.sold è quello che conta, comé se si avesse inghiottito ilsuo’ cuore. èd 6350. con-. tinuasse. a; battere,;. anche.‘ adesso, na. automobile: due’ pellic il mese di agosto.su 5 spiaggia. adriatica; .assolata ventosa, brulicante.. iso i In autunno un viaggio a (Vienna: rridono, | molti. oggetti, molti regali. Nelli Villetta silenziosa molti prancorì bella cristalleria, piatti prelibati. Un gioco! divertente. Ora, appena verrà. la prima nevicata :.Laura andrà a: sciare. Forse! con Giovanni e-i nipotini. Bisogna . che in qualche modo'ricompensi il fratello «di averle ‘fatto: gùadagriare una. discreta sornma “con la compora “e vendita: “ delle. ‘ sue “azioni. Questo ha bilanciato un: po'.il' vuoto provocato da molte molte’ spese. Inebbriantà pote spendere senza : penfare: È \ Ruesto denaro’ odioso le. procu: ra tante cose, ma. non l’unica‘di cui abbisogna. Ù Una sera, mentre sta. vestendosi per il téatro (un bell’abito lungo, ne: rà; ricamato a: lustrini: iodello) un -Heve"toccodi ‘campanello, L'orecchio ‘À ' indifferente, nia .il cuore ha ‘un lieve tuffo; Chi dun que avèva. uh tempo questa maniera leggera; ‘particolare, ‘di. annunciare la. sua’ presenza? 0 Un rumore di passi, pesante, ‘nato perle scale. La mano: di Laura tiéma nell'appuntare la. spilla sul pet-' to::e non.sa nenimeno Jei se di gioia, di ansia, di-paura, 3 a Laura... "PI *—.Mario.;. Oh,-Mario, Sti 'sulla soglia, ‘con .un. mialincoNico. sorriso, ; Sea det È assai dimagritot le pare vestito. Mimessamente: le; pare stinco, invecchiata, é Il *tormento . della” separazione? Il cuore palpita' di ‘orgoglio, di sperarizazi; ba i redevo'. tu. fossi lontano dal. Puto: mai. più nie — Difatti sono ‘stato èrlino —.egli riprende. € iolte cose, «Laura, ma disgra. ziatamente. sono tutte fallite... ..° ‘Un’ sens di ‘malosseré,. di: diffideni za. improvvisi, fai È È idesso, ‘‘a Berlino, . lavoro “in mà. fabbrica -di' aeroplani; Un. difeto da, ; iti | ;Petto, -di-baino lei. ‘Retta; ciazlo?.: Non Cip Coi Le 'Cha; così ‘8 accadi ‘(Sogna osla: sua voce tamente. fredda,: ostile Una disgrazia: gi bamibina,,,.Kuciana, Oh; “—. Pove: ra:. creatu-.: mi. dispia ce... Non. c'è speranza? EE Mariò . parla feb: brilmenta: = SÌ, c'è: i speranza quello a cui mi. aggrappo. In America, a San Francisco, c'è “un medico, cho fa “operàzioni miracolose; portentose. Soltanto, tu -capisci;.. Laura: si trattà di una spesa: for: tissima. : Non ‘riesco neppure a. i | maginare. che somma ‘occorrerà ma ì deve:-trattare: di una cifra” cert i itiva di etti < “Bola. secca; gli occhi asciutti: To! noiici ‘credo. a queste: dose “miracolose: d'America: donie::Non: vi fate illusioni; 0 Sarà..im'illusione, ma io voglio. ‘ tentare. Mia figlia. ha: quattordici’ Ve: essere. fini. «anni non può-n0nd ta per lei, l’esistenza; E poi, Lau‘ta, bisogna dargliela adogni costo questa «illusione. Soltanto; ‘è’ necéssario «che iolasci per ‘alcuni mesi Berlino; ' dovò.'accompagnarla; in ‘viaggio; poi: ci vorranno: due' 0. tre mesi’ di permanenza: in America; In; somma, un sacco «di quattrini! Silenzio, i ; = Sorio. venuto a vedere; Tavira. testituirmi: ‘qualche ‘cosa.. si volta di scatto: Qualche’ cos zia, simile ci'ivò € glietti. dai ‘To: ‘ho spessi ‘molto i esti:mesi. Avevo bisogno di non .[-pensare,:.di' disttarmi.: Non ‘è. possibile.‘che ti-4intil E “per. unà.pa uttarti dalla -fi-> rio: alza ‘gli ‘occhi. a’ guardarla; lentamente; .conuzio strano ‘sguardo senza ironia ‘nemmeno: un, soldol Tutte fan .J'i ‘questa: bambiria, «che... Ella; gli grida, con voce aspra; stridula ;'. : + Allora, .difnmi, sei venuto: qui per riprenderti quel’ miserabile. dena= ro: ché: mi hai. dato? Dillo franca. Mente.» : L'occhio Più stanco: = Quello che tu. potessì darmi, Ne, ho' disperatamente bisogno... = Potevi .fare a. meno. allora. di compigro il bel” gestol' Ridicolo,: ri dicolo' seil, Mi ‘hai tolto tutto; ‘adesso mi vuoitogliere anche questo]. -' = Ascolta, Latirà:.questo; denaro è ‘mio vel. i È . e “= No, è.miol: È mio! Me l'h te ‘galato! Nori intendo darti .uri' s0ldo, La ‘spirituale, «Laura, € «la pellio: l'indipendenza di L jo non sono venuto:.perriprendermi quello ‘ché ti dell’uomo'si fa più: triste,” “dm serta, Che. potrebi uo della Sicilia, liera che percori rovane che pei si recano da ug mano a viston no un ‘fuochei darsi nelle n «nòn. v'è ital né ricoveri di luogo di: alla vita: ortuna sorg Dan si stessi ne di li ace dre' dbostei nifest i suoi ] (fine il 1 prest sidlcare duillat chime» Ù s ho dito, So” no venuto a parlare, ila iiia * Laura, a-inla moglie. Ascolta: so che hai soffer© i; to: di! questa separazione: io *W pure. To. ti amo; Venivo a chie derti s6 vBlevi.... che. ritornassimo 4 vivere insieme: il denaro sarà di due: ne disporremo’ insieme, ‘Non [oi più essere gelosa ‘di una povera. bambina disgraziata... E, poi, 56 tu vuoi, Ie {fit teremo ‘una villetta: in° riviera -dovt13]meno potrà godere il sole, quel solelfho non ‘vede più... i Un singhiozzo. spezza: Ja: voce di Mifio;. ma Laura nonno d'turbata: pensa;te lo stesso: cuore, lo atesso ‘animo dito. anni: «Così, se ritorna ‘in' casa, tHitto. ritorna suo, Spenderà come vorrà; Jfth “derà tutto’ per: quella ragazza: tutto; tit to per lei. Non sarò più padrona:di dm